Notizie e Bandi

Gennaio 7, 2021
legge-di-bilancio-2021-resto-al-sud-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Lo Stato incentiva la nascita di nuove attività imprenditoriali nel Mezzogiorno e nelle aree del Centro Italia colpite dai terremoti del 2016 e 2017.

BENEFICIARI

I beneficiari sono persone fisiche, di età compresa tra i 18 e i 55 anni residenti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna, nonché nelle aree del Centro Italia colpite dal dai terremoti del 2016 e 2017.

INTERVENTI

Gli interventi devono essere avviati successivamente alla presentazione della domanda ovvero alla data di costituzione della società nel caso in cui la domanda sia presentata da persone fisiche.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. opere edili relative a interventi di ristrutturazione o manutenzione straordinaria;
  2. macchinari, impianti ed attrezzature nuovi di fabbrica;
  3. programmi informatici e servizi per le tecnologie dell’informazione e della telecomunicazione;
  4. spese relative al capitale circolante;
  5. materie prime;
  6. materiali di consumo;
  7. semilavorati e prodotti finiti;
  8. utenze e canoni di locazione per immobili;
  9. canoni di leasing;
  10. acquisizione di garanzie assicurative.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Il finanziamento a copertura del 100% delle spese ammissibili, è così articolato:

  • 50% come contributo a fondo perduto erogato dal Soggetto gestore;
  • 50% sotto forma di finanziamento bancario.

Le agevolazioni sono concesse secondo il Regolamento de minimis ed assumono la veste di finanziamento fino ad un massimo di € 60.000,00 per le imprese a carattere individuale.

Nel caso in cui l’istanza sia presentata da più beneficiari, l’importo massimo del finanziamento è pari ad € 50.000,00 per ciascuno fino ad un ammontare massimo complessivo di € 200.000,00.

L’agevolazione per la copertura del capitale circolante assumerà la veste di un ulteriore contribuito a fondo perduto in misura pari a:

  • € 15.000,00 per le ditte individuali, le attività di lavoro autonomo e libero professionali esercitate in forma individuale;
  • € 10.000,00 per ciascun socio, fino ad un importo massimo di € 40.000,00 per ogni impresa.

TERMINE

Il Fondo è sempre aperto. Le domande sono valutate secondo l’ordine cronologico di presentazione.


Dicembre 30, 2020
legge-di-bilancio-2021-credito-di-imposta-mezzogiorno-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Misura sostiene l’economia delle Regioni meridionali favorendo l’acquisto di beni strumentali nuovi.

BENEFICIARI

Possono presentare domanda le aziende, indipendentemente dalla natura giuridica, dalle dimensioni aziendali e dal regime contabile, con sede legale o unità operativa in una delle seguenti Regioni:

  • Abruzzo;
  • Basilicata;
  • Calabria;
  • Campania;
  • Molise;
  • Puglia;
  • Sardegna;
  • Sicilia.

Sono esclusi i soggetti operanti nei settori dell’industria siderurgica, carbonifera, della costruzione navale, delle fibre sintetiche, dei trasporti e delle relative infrastrutture, della produzione e della distribuzione di energia e delle infrastrutture energetiche, nonché di quelli operanti nel settore creditizio, finanziario e assicurativo.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto progetti di investimento volti all’acquisto, anche tramite leasing, di beni strumentali nuovi.

Il progetto deve essere finalizzato:

  • alla realizzazione di un nuovo stabilimento;
  • all’ampliamento di uno stabilimento esistente;
  • alla diversificazione della produzione di uno stabilimento;
  • alla trasformazione radicale del processo produttivo di uno stabilimento esistente;
  • alla riattivazione di uno stabilimento chiuso o che sarebbe stato chiuso qualora non fosse stato acquisito.

Il credito d’imposta compete in relazione agli investimenti realizzati fino al 31 dicembre 2022.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’intensità dell’agevolazione, che consiste in un credito d’imposta, è differenziata in base alle dimensioni aziendali e all’ubicazione territoriale dell’investimento, come di seguito:

Imprese situate in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia:

  • 25% per le grandi imprese (per progetti che non superano € 50.000.000,00);
  • 35% per le medie imprese;
  • 45% per le piccole imprese;

Imprese situate in Abruzzo e Molise:

  • 30% per le piccole imprese;
  • 20% per le medie imprese;
  • 10% per le grandi imprese.

L’ammontare massimo di ciascun progetto di investimento, con riferimento all’ammontare complessivo dei costi sostenuti è pari a:

  • 3 milioni di euro per le piccole imprese;
  • 10 milioni di euro per le medie imprese;
  • 15 milioni di euro per le grandi imprese.

TERMINE

La Misura sarà fruibile fino al 31/12/2022.


Dicembre 9, 2020
cciaa-salerno-voucher-digitali-4-0-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Salerno promuove la diffusione della pratica digitale nelle imprese della filiera turistica sostenendo le iniziative di digitalizzazione, anche finalizzate ad approcci green oriented del tessuto produttivo.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale o l’unità locale iscritte nel Registro delle Imprese della CCIAA.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la digitalizzazione dei processi, l’informatizzazione, l’ammodernamento tecnologico per migliorare l’efficienza aziendale e l’organizzazione del lavoro.

Gli ambiti tecnologici di innovazione digitale dovranno riguardare almeno una delle seguenti tecnologie:

  • internet delle cose e delle macchine;
  • cloud computing;
  • cyber security e business continuity;
  • big data e analytics;
  • blockchain;
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa;
  • integrazione verticale e orizzontale;
  • sistemi di e-commerce;
  • sistemi per lo smart working e il telelavoro;
  • soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita;
  • connettività a Banda Ultralarga;
  • sistemi di pagamento mobile e via Internet;
  • sistemi EDI, electronic data interchange;
  • tecnologie per l’in-store customer experience;
  • programmi di digital marketing.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese per beni e servizi strumentali, inclusi i dispositivi e le spese di connessione, sostenute dal 02/12/2020 e fino al 120° giorno successivo alla data di approvazione del contributo.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto (Voucher) nella misura del 100% delle spese ammissibili fino a un massimo di € 3.500,00.

Viene stabilita una premialità di € 250,00 alle imprese in possesso del rating di legalità.

L’agevolazione è cumulabile, per le stesse spese ammissibili, con aiuti in regime de minimis e aiuti in esenzione.

TERMINE

La domanda può essere presentata dalle ore 08:00 del 21/12/2020 fino ad esaurimento risorse.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Novembre 19, 2020
cciaa-caserta-digital-4-business-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Caserta sostiene la capacità delle imprese di risposta all’emergenza causata dal coronavirus e di miglioramento dei processi aziendali.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale o l’unità locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA di Caserta.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto gli investimenti in tecnologie digitali, hardware, software, accessori, applicativi e servizi specialistici riferiti ai seguenti ambiti:

  • implementazione di nuovi modelli organizzativi che consentano di attivare forme di flessibilità del lavoro, tra cui smart working e telelavoro;
  • incremento della telematizzazione delle attività sia di back office che di front office, anche mediante l’adozione di infrastrutture tecnologiche;
  • miglioramento dell’efficienza aziendale tramite adozione di tecnologie e soluzioni Cloud, che consentano l’archiviazione sicura dei documenti;
  • fruizione della connettività a banda larga e ultra larga, quindi del collegamento alla rete internet, mediante qualsiasi tecnologia;
  • digitalizzazione dei sistemi di sicurezza e controllo.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  • notebook, pendrive USB, stampanti, scanner finalizzati al lavoro a distanza;
  • accessori come docking station, cavi, adattatori;
  • apparati orientati alla telematizzazione delle attività quali webcam, microfono, altoparlanti, sistemi integrati per la videoconferenza;
  • tecnologie e servizi in cloud in grado di garantire forme di collaborazione a distanza;
  • VPN, VoiP, sistemi di Backup e ripristino dei dati Sicurezza di rete;
  • configurazione delle reti e degli strumenti per il lavoro a distanza;
  • software per servizi all’utenza come siti web, app, integrazioni con provider servizi di pagamento;
  • abbonamento a servizi in cloud per gestione business in cloud in modalità software as a service;
  • strumentazione e servizi per la connettività quali smartphone, modem e router Wi-Fi, switch, antenne;
  • strumenti per la digitalizzazione dei sistemi di sicurezza e controllo;
  • spese di consulenza e formazione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nella misura del 50% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 2.500,00.

Viene riconosciuta una premialità di € 200,00 alle imprese che partecipano ai programmi di digitalizzazione della CCIAA, usufruendo del servizio di valutazione del livello di maturità digitale, che si aggiungerà al contributo riconosciuto e nel rispetto dei pertinenti massimali de minimis.

L’agevolazione è cumulabile, per le stesse spese ammissibili, con aiuti in regime de minimis, aiuti in esenzione ed aiuti concessi ai sensi del Quadro temporaneo.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 29/12/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Ottobre 23, 2020
fondo-cresci-al-sud-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Al fine di rafforzare il sostegno al tessuto economico-produttivo delle regioni del Mezzogiorno, il Governo ha istituito un Fondo a sostegno della competitività e della crescita dimensionale delle piccole e medie imprese del Sud.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le piccole e medie imprese con sede legale ed attività produttiva nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

I beneficiari, inoltre, devono possedere i seguenti requisiti:

  • numero di dipendenti non superiore a 250;
  • valore della produzione non superiore ad € 10.000.000,00;
  • fatturato non superiore ad € 50.000.000,00 o un attivo superiore ad € 43.000.000,00;
  • virtuosità in termini di fondamentali economico-finanziari, posizionamento di mercato, vantaggio competitivo, potenziale di sviluppo sia per linee interne che per linee esterne.

INTERVENTI

Il Fondo opera investendo nel capitale dei beneficiari contestualmente ad investitori privati indipendenti.

L’investimento nel capitale di ciascuna impresa target è finanziato anche da risorse apportate da investitori privati indipendenti, attraverso una procedura aperta e trasparente.

Il Fondo finanzia progetti di sviluppo e crescita dimensionale, anche attraverso processi di acquisizione ed aggregazione nonchè investimenti in società di nuova costituzione purché derivanti dallo scorporo o aggregazione di attività già esistenti.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un investimento nel capitale dei beneficiari.

Gli investimenti verranno realizzati utilizzando i seguenti strumenti finanziari:

  • azioni, quote e titoli rappresentativi del capitale di rischio;
  • obbligazioni emesse dalle medesime società o altre forme di supporto finanziario, alle quali sono di norma associati diritti di conversione;
  • altri strumenti finanziari partecipativi ai quali sono di norma associati diritti di conversione totale in azioni o quote del capitale della società emittente e/o diritti di acquisto o di sottoscrizione di azioni o quote del capitale (warrants) della società finanziata o delle società da questa partecipate o a questa partecipanti;
  • qualsiasi altro strumento o titolo che permetta di acquisire gli strumenti finanziari indicati nei punti precedenti;
  • contratti di opzione per l’acquisto e/o la sottoscrizione degli strumenti finanziari indicati nei punti precedenti.

Il ticket delle operazioni di investimento è indicativamente compreso in un range da € 1.000.000,00 a € 10.000.000,00, fermo restando che l’importo di ciascun investimento sarà non superiore al 15% della dotazione del Fondo.

Insieme al Fondo è richiesta la compartecipazione contestuale di investitori privati indipendenti che contribuiscono all’investimento per almeno il 50% delle risorse previste.

La durata degli investimenti diretti è indicativamente pari a 5 anni, anche al fine di consentire il conseguimento degli obiettivi previsti dal piano di sviluppo condiviso.

TERMINE

La Misura rimarrà aperta fino ad esaurimento delle risorse.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Ottobre 2, 2020
bravo-innovation-hub-piu-turismo-piu-cultura-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Bravo Innovation Hub è l’acceleratore d’impresa di Invitalia dedicato alle imprese più innovative del Mezzogiorno che propone programmi di accelerazione verticali per velocizzare l’ingresso nel mercato delle imprese.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro e piccole imprese, in qualsiasi forma giuridica costituite, con sede legale o operativa in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia o Sicilia.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto soluzioni innovative nell’intera filiera turistico-culturale, nei seguenti ambiti:

  • turismo sostenibile;
  • tutela e fruizione responsabile del patrimonio culturale, dei musei e dei parchi archeologici;
  • soluzioni di gamification, realtà virtuale e realtà aumentata;
  • strumenti per la crescita sostenibile delle destinazioni, per l’accessibilità, per il miglioramento della customer experience;
  • soluzioni digitali per i viaggiatori, gli operatori e i territori;
  • soluzioni digitali per la produzione e fruizione di contenuti artistici e culturali;
  • interventi di rigenerazione urbana di tipo culturale, sociale, economico e ambientale, finalizzati al miglioramento della qualità della vita, nel rispetto dei principi di sostenibilità ambientale.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione avrà un valore di € 41.630,00 e comprenderà:

  • un contributo, concesso ai sensi del Regolamento GBER, di € 20.000,00;
  • la partecipazione, concessa in regime de minimis, al programma di accelerazione realizzato da Fondazione Giacomo Brodolini e Destination Makers, comprendente:
    • spazi di lavoro all’interno del Bravo Innovation Hub di Palazzo Guerrieri in Brindisi;
    • 192 ore di formazione sulle competenze imprenditoriali;
    • 60 ore di mentoring e coaching per lo sviluppo del prodotto/servizio, modello di business, tecnologia, comunicazione, marketing, raccolta fondi;
    • assessment per identificare i punti di forza e le aree di miglioramento;
    • una giornata di confronto con testimonianze nazionali e internazionali specifiche del settore turismo e cultura (imprenditori, ricercatori, esperti, ecc.);
    • un evento conclusivo (demo day), durante il quale le imprese, attraverso pitch session e attività di networking, presentano il proprio progetto e i propri obiettivi a CDP Venture Capital SGR – Fondo Nazionale Innovazione e ad altri investitori nazionali ed internazionali;
    • iniziative di business matching e open innovation.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 30/11/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Settembre 10, 2020
cciaa-avellino-misure-di-sicurezza-anti-contagio-covid-19-valore-consulting-1280x800.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Avellino supporta le imprese nei processi di organizzazione aziendale per la ripresa delle attività nella fase dell’emergenza sanitaria da covid-19, favorendo l’adozione di tutte le misure di contrasto alla diffusione del coronavirus per garantire la salute dei lavoratori e dei cittadini.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale o l’unità locale iscritta al Registro delle Imprese della CCIAA di Avellino.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili, volti a migliorare la sicurezza dell’impresa e l’organizzazione del lavoro, devono permettere di fronteggiare il rischio di contagio del coronavirus, attraverso la sanificazione dell’ambiente e degli strumenti di lavoro, l’adozione di soluzioni e dispositivi per la sicurezza sanitaria di quanti operano in azienda nonchè di aggiornare il DVR (Documento unico di Valutazione dei Rischi aziendali) e il DUVRI (Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze) con le misure adottate e i DPI necessari.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  1. aggiornamento del DVR e del DUVRI;
  2. sanificazione dei locali aziendali, sia uso ufficio che reparti produttivi, postazioni di lavoro, schermi touch, tastiere, mouse attrezzature, ;
  3. acquisto di dispositivi di protezione individuale;
  4. installazione di barriere e divisori negli ambienti di lavoro.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo nella misura del 50% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di € 2.000,00.

In riferimento alle singole voci di spesa sono previsti i seguenti limiti:

VOCE DI SPESA SPESA MASSIMA AMMISSIBILE CONTRIBUTO MASSIMO
Adeguamento DVR o DUVRI € 1.000,00 € 500,00
Dispositivi di sanificazione € 3.000,00 € 1.500,00
Ulteriori spese € 3.000,00 € 1.500,00

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 30/09/2020.


Settembre 10, 2020
cciaa-napoli-voucher-digitali-misura-b-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Napoli sviluppa la capacità di collaborazione tra imprese e tra esse e soggetti altamente qualificati nel campo dell’utilizzo delle tecnologie I 4.0, attraverso la realizzazione di progetti mirati all’introduzione di nuovi modelli di business 4.0 e modelli green oriented.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese con sede legale o unità locale iscritta al Registro delle Imprese della CCIAA di Napoli.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto almeno una tecnologia di seguito riportata:

  • robotica avanzata e collaborativa;
  • interfaccia uomo-macchina;
  • manifattura additiva e stampa 3D;
  • prototipazione rapida;
  • internet delle cose e delle macchine;
  • cloud, fog e quantum computing;
  • cyber security e business continuity;
  • big data e analytics;
  • intelligenza artificiale;
  • blockchain;
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa;
  • simulazione e sistemi cyberfisici;
  • integrazione verticale e orizzontale;
  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;
  • soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività;
  • sistemi di e-commerce;
  • sistemi per lo smart working e il telelavoro;
  • soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire forme di distanziamento sociale dettate dalle misure di contenimento legate all’emergenza sanitaria da Covid-19;
  • connettività a Banda Ultralarga;
  • sistemi di pagamento mobile e/o via Internet;
  • sistemi fintech;
  • sistemi EDI, electronic data interchange;
  • geolocalizzazione;
  • tecnologie per l’in-store customer experience;
  • system integration applicata all’automazione dei processi;
  • tecnologie della Next Production Revolution;
  • programmi di digital marketing.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per servizi di consulenza e/o formazione e per l’acquisto di beni e servizi strumentali, inclusi dispositivi e spese di connessione, funzionali all’acquisizione delle tecnologie abilitanti.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nella misura massima del 70% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di € 15.000,00.

Viene stabilita una premialità di € 250,00 alle imprese in possesso del rating di legalità.

L’agevolazione è cumulabile, per le stesse spese ammissibili, con aiuti in regime de minimis e aiuti in esenzione.

TERMINE

Il Bando ha chiuso per esaurimento risorse.


Settembre 10, 2020
cciaa-avellino-abbattimento-tasso-di-interesse-finanziamenti-bancari-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Avellino sostiene le imprese attraverso l’abbattimento del tasso d’interesse sui finanziamenti bancari, finalizzati a favorire l’accesso al credito e alla liquidità necessaria per la gestione aziendale, in considerazione dell’emergenza sanitaria in corso.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le piccole e medie imprese aventi la sede legale o l’unità locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA di Avellino.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’abbattimento del tasso d’interesse sui finanziamenti concessi da banche, con contratti stipulati a partire dallo 01/01/2020.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  • investimenti fissi quali immobili, impianti, attrezzature, ristrutturazioni;
  • investimenti immateriali quali marchi, brevetti, ricerca, pubblicità;
  • investimenti in progetti di ricerca & sviluppo per la realizzazione di nuovi prodotti e servizi o per il rinnovo dei processi produttivi;
  • investimenti rivolti all’innovazione tecnologica, alla tutela ambientale e alla sicurezza sugli ambienti di lavoro;
  • investimenti nel settore dell’Information & Communication Technology;
  • progetti di internazionalizzazione delle imprese;
  • acquisizioni di rami aziendali;
  • investimenti per formazione;
  • finanziamenti finalizzati al consolidamento delle passività a breve termine e apertura di credito in conto corrente.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un abbattimento del costo del finanziamento nella misura del 3% del tasso d’interesse effettivo corrisposto, fino ad un massimo di € 2.500,00.

La durata dell’agevolazione non potrà essere superiore a 3 anni.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 16/10/2020.


Settembre 8, 2020
cciaa-caserta-voucher-digitali-misure-a-e-b-2020-valore-consulting-1280x565.jpeg

FINALITÀ

La CCIAA di Caserta favorisce interventi di digitalizzazione ed automazione funzionali alla continuità operativa delle imprese durante l’emergenza sanitaria da Covid-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale o l’unità locale iscritta al Registro delle Imprese della CCIAA di Caserta.

INTERVENTI

Le misure ammissibili sono:

Misura A: Interventi condivisi da più imprese (da 3 a 20 imprese) che condividono gli obiettivi (es. tipologia di tecnologie I4.0 impiegate, modalità di erogazione ed accesso ai servizi di consulenza previsti dall’intervento, creazione di servizi innovativi o di sistemi o strumenti comuni).

Misura B: Interventi presentati da singole imprese.

Gli interventi ammissibili, per entrambe le Misure, devono avere ad oggetto almeno una delle seguenti tecnologie abilitanti:

  • robotica avanzata e collaborativa;
  • interfaccia uomo-macchina;
  • manifattura additiva e stampa 3D;
  • prototipazione rapida;
  • internet delle cose e delle macchine;
  • cloud, fog e quantum computing;
  • cyber security e business continuity;
  • big data e analytics;
  • intelligenza artificiale;
  • blockchain;
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa;
  • simulazione e sistemi cyberfisici;
  • integrazione verticale e orizzontale;
  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;
  • soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività;
  • sistemi di e-commerce;
  • sistemi per lo smart working e il telelavoro;
  • soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire forme di distanziamento sociale;
  • connettività a Banda Ultralarga;
  • sistemi di pagamento mobile e/o via Internet;
  • sistemi fintech;
  • sistemi EDI, electronic data interchange;
  • geolocalizzazione;
  • tecnologie per l’in-store customer experience;
  • system integration applicata all’automazione dei processi;
  • tecnologie della Next Production Revolution;
  • programmi di digital marketing.

Per entrambe le Misure, l’intervento deve avere un valore complessivo pari o superiore a € 5.000,00. Per la Misura A tale importo è da intendersi per ciascuna impresa partecipante.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili, per entrambe le Misure, sono quelle per:

  • servizi di consulenza e/o formazione;
  • acquisto di beni e servizi strumentali, inclusi dispositivi e spese di connessione;
  • spese per l’abbattimento degli oneri di qualunque natura.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione per entrambe le Misure, assume la forma di un contributo a fondo perduto nella misura massima del 70% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 10.000,00.

Viene stabilita una premialità di € 250,00 alle imprese in possesso del rating di legalità.

La presente agevolazione è cumulabile, per le stesse spese ammissibili, con aiuti in regime de minimis, aiuti in esenzione o aiuti concessi ai sensi del Quadro temporaneo.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 21:00 del 25/10/2020.

Le domande saranno esaminate mediante le seguenti procedure:

  • Misura A: procedura valutativa a graduatoria;
  • Misura B: procedura valutativa a sportello.

finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification