Notizie e Bandi

Regione Emilia-Romagna | Promozione degli Investimenti 2019

Regione: Emilia-Romagna
Tipologia: Investimenti
emilia-romagna-investimenti-valore-consulting

FINALITÀ

La Regione Emilia-Romagna favorisce la realizzazione di investimenti strategici ad elevato impatto occupazionale, che comprendano attività di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale finalizzati a diffondere significativi avanzamenti tecnologici per il sistema produttivo.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  • Piccole e Medie Imprese con sede legale e/o unità produttiva sul territorio della Regione;
  • Piccole e Medie Imprese attive da almeno due anni, con un bilancio approvato alla data di presentazione della domanda, che non abbiano ancora sedi in Regione;
  • Grandi Imprese attive, con almeno un bilancio approvato alla data di presentazione della domanda, che non abbiano ancora una sede in Regione;
  • Imprese neocostituite appartenenti ai settori delle industrie culturali e creative, che abbiano almeno un bilancio approvato alla data di presentazione della domanda;
  • Imprese non aventi sede legale nel territorio nazionale, con personalità giuridica riconosciuta dallo Stato ed almeno la disponibilità di un’unità locale sul territorio della Regione.

Tutti i beneficiari devono esercitare la propria attività economica nel settore della produzione di beni e di servizi, fatta eccezione per le imprese neocostituite.

Le aree assistite dell’Emilia-Romagna, con diritto ad una maggiorazione delle agevolazioni, sono i Comuni della Provincia di Ferrara quali Ferrara (sezioni censuarie escluso il centro storico), Masi Torello, Ostellato e Comacchio ed i Comuni della Provincia di Piacenza ovvero Piacenza (sezioni censuarie escluso il centro storico), Caorso e Monticelli d’Ongina.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono sostanziarsi in uno o più progetti finanziabili, da realizzarsi in Emilia-Romagna, secondo le seguenti tipologie:

  • Interventi finalizzati alla creazione di un’infrastruttura di ricerca;
  • Interventi di Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale;
  • Nuovi interventi di Investimento produttivo delle PMI sul territorio regionale (compresi i servizi di consulenza) e delle Grandi Imprese solo nelle aree assistite;
  • Interventi di investimento per la tutela dell’ambiente finalizzati all’efficienza energetica, alla cogenerazione, alla produzione di energia da fonti rinnovabili, al riciclo e il riutilizzo dei rifiuti;
  • Interventi di formazione in funzione dei fabbisogni di competenze e aiuti all’assunzione di lavoratori svantaggiati e all’occupazione dei lavoratori disabili.

L’intervento deve completarsi entro il 31 dicembre 2021 ed essere mantenuto nell’unità locale ove è stato attivato per almeno 5 anni dal completamento del Programma d’investimento.

Ogni impresa può presentare una sola domanda. E’ obbligatoria l’ammissibilità di almeno un intervento relativo alla categoria di “Aiuti a favore della ricerca e sviluppo”.

A. Interventi per realizzare Strutture di Ricerca

Investimenti materiali ed immateriali connessi alla realizzazione di un’infrastruttura di ricerca, che svolge esclusivamente attività economiche a condizione che l’accesso all’infrastruttura sia aperto a più utenti e la struttura sia aperta alla collaborazione con le Università e gli altri organismi di ricerca, anche al fine della formazione delle risorse umane.

B. Aiuti in favore della Ricerca e Sviluppo

Sono ammissibili uno o più interventi di ricerca e sviluppo rivolti a introdurre sul mercato nuovi prodotti o servizi o adottare nuove tecnologie produttive che prevedano nuovi investimenti e ampliamenti produttivi sul territorio regionale. Gli interventi dovranno prevedere costi ammissibili non inferiori ad € 1.000.000,00.

Per le aziende appartenenti ai settori delle industrie culturali e creative, l’importo minimo delle spese ammissibili è abbassato ad € 500.000,00.

Gli interventi devono prevedere collaborazioni con Università e/o organismi/enti di ricerca, per un importo complessivo pari ad almeno il 15% delle spese ammissibili.

C. Realizzazione di progetti di Formazione ed Incentivi all’assunzione di lavoratori svantaggiati e/o con disabilità

Per la formazione sono ammissibili gli interventi volti a formare le competenze funzionali. Gli interventi potranno configurarsi come prima formazione per i neo assunti o come azioni di riqualificazione/aggiornamento dei lavoratori. Gli interventi possono essere realizzati dall’impresa o attraverso un ente di formazione professionale accreditato. Sono ammissibili progetti di formazione continua e azioni di accompagnamento alle imprese, ovvero attività formative finalizzate alla qualificazione e al rafforzamento delle competenze.

Per quanto attiene alle assunzioni sono ammissibili i seguenti interventi:

  • (a) assunzioni riguardanti i lavoratori svantaggiati;
  • (b) assunzioni riguardanti i lavoratori disabili.

D. Investimenti per la tutela dell’ambiente per interventi di efficienza energetica, cogenerazione, produzione di energia da fonti rinnovabili, riciclaggio e riutilizzo dei rifiuti e adeguamento a norme ambientali

Sono ammissibili i seguenti interventi:

a. investimenti a favore di misure di efficienza energetica;

b. investimenti a favore della cogenerazione ad alto rendimento;

c. investimenti volti a promuovere la produzione di energia da fonti rinnovabili;

d. investimenti per il riciclaggio e il riutilizzo dei rifiuti.

E. Investimenti Produttivi (nelle aree assistite e/o per le PMI)

Sono ammissibili a finanziamento i seguenti interventi:

  • investimenti in attivi materiali e/o immateriali per nuovo intervento produttivo;
  • acquisizione di attivi di un’unità produttiva per dar luogo ad una nuova attività non in continuità con l’impresa precedente, capace di ampliare o diversificare la produzione mediante prodotti e/o processi nuovi.

Possono essere finanziati solo interventi del valore singolo non inferiore ad € 1.500.000,00.

F. Acquisto di Servizi di Consulenza per le PMI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto altri costi di consulenza che non rientrano fra le altre spese ammissibili necessari all’avvio e/o alla realizzazione del programma di investimento. Devono avere un valore singolo ammissibile non superiore a € 100.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

A. Interventi per realizzare Strutture di Ricerca

Le spese ammissibili sono costituite da:

  • opere e infrastrutture specifiche, ad eccezione di edificazione di nuovi immobili;
  • impianti;
  • attrezzature;
  • programmi informatici;
  • brevetti;
  • licenze;
  • know-how e conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie.

B. Aiuti in favore della Ricerca e Sviluppo

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

1. nuovo personale di ricerca assunto a tempo indeterminato dopo la presentazione della domanda in possesso di laurea;

2. personale adibito ad attività di ricerca, progettazione, sperimentazione ed in possesso di adeguata qualificazione (laurea di tipo tecnico-scientifico o esperienza almeno decennale nel campo della ricerca e sperimentazione). Tali spese sono ammissibili nella misura massima del 30% della somma delle spese relative ai punti 4, 5 e 6;

3. personale adibito a funzioni di produzione o personale di ricerca non laureato o con esperienza inferiore a 10 anni. Sono ammissibili esclusivamente i costi per il personale dipendente (a tempo indeterminato o determinato). Tali spese sono ammissibili nella misura massima del 25% della spesa indicata al precedente punto 2;

4. acquisto o locazione di strumenti e impianti, incluso software specialistico, di nuova fabbricazione e necessari alla realizzazione del progetto;

5. ricerca contrattuale, competenze tecniche e brevetti, acquisiti o ottenuti in licenza da soggetti esterni, servizi di consulenza ed equivalenti di carattere tecnico-scientifico, le spese per l’utilizzo di laboratori di ricerca o di prova;

6. realizzazione fisica di prototipi, dimostratori e/o impianti pilota: materiali e lavorazioni nella misura massima del 20% della somma spese n. 1,3, 4, 5.

7. spese generali, calcolate nella misura forfetaria del 15% delle spese ammissibili complessive.

C. Realizzazione di progetti di Formazione ed Incentivi all’assunzione di lavoratori svantaggiati e/o con disabilità

Per gli interventi formativi le spese ammissibili sono quelle previste dal Regolamento GBER, mentre per le assunzioni le spese ammissibili sono:

– interventi rientranti nella tipologia (a):

  • costo salariale del lavoratore;

– interventi rientranti nella tipologia (b):

  • costo salariale del lavoratore;
  • costi aggiuntivi per assistenza al lavoratore da parte di altro personale;
  • costi per acquisto di attrezzature/software;
  • trasporti;
  • salario del lavoratore per ore impiegate in riabilitazione.

Per entrambe le tipologie sono incentivabili solo le assunzioni per contratti di lavoro a tempo indeterminato per un importo non inferiore ad € 6.000,00 e comunque solo nei casi in cui la retribuzione assicurata al lavoratore a seguito della sua assunzione sia superiore ad € 15.000,00 annui lordi.

D. Investimenti per latutela dell’ambiente per interventi di efficienza energetica, cogenerazione, produzione di energia da fonti rinnovabili, riciclaggio e riutilizzo dei rifiuti e adeguamento a norme ambientali

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • impianti (comprese le opere accessorie) e attrezzature volti ad adattare i metodi di produzione;
  • programmi informatici;
  • brevetti;
  • licenze;
  • know-how e conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi;
  • servizi di consulenza connessi all’intervento per adattare i metodi produzione (solo per le PMI).

Spese ammissibili per le sole PMI e/o nelle aree assistite secondo il Regolamento GBER:

  • opere murarie ed edilizie, ad eccezione di edificazione di nuovi immobili, e strettamente connesse alla installazione e posa in opera dei macchinari, beni strumentali, attrezzature e impianti (nel limite massimo del 5% delle spese complessive ammissibili);
  • macchinari;
  • impianti;
  • attrezzature varie;
  • programmi informatici;
  • brevetti,
  • licenze;
  • know-how e conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi;
  • spese di progettazione e studi nel limite del 4% delle spese totali ammissibili.

E. Investimenti Produttivi (nelle aree assistite e/o per le PMI)

  • opere murarie ed edilizie, ad eccezione di edificazione di nuovi immobili, e strettamente connesse alla installazione e posa in opera dei macchinari, beni strumentali, attrezzature e impianti (nel limite massimo del 5% delle spese complessive ammissibili);
  • macchinari;
  • impianti;
  • attrezzature varie;
  • programmi informatici;
  • brevetti,
  • licenze;
  • know-how e conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi;
  • progettazione e studi nel limite del 4% delle spese totali ammissibili.

F. Acquisto di Servizi di Consulenza per le PMI

Sono ammissibili le spese per i servizi di consulenza, in favore delle PMI, connessi al progetto d’investimento prestati da consulenti esterni.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Il contributo complessivo non potrà superare i seguenti importi massimi:

  • Per le imprese appartenenti ai settori delle industrie culturali e creative: € 700.000,00 per proposte di investimento con impatto occupazionale compreso tra 10 e 19 dipendenti addizionali (di cui almeno il 30% laureati) rispetto al 31 dicembre 2018;
  • € 1.500.000,00 per proposte di investimento con impatto occupazionale compreso tra 20 e 49 dipendenti addizionali (di cui almeno il 30% laureati) rispetto al 31 dicembre 2018.
  • € 4.000.000,00 per proposte di investimento con impatto occupazionale compreso tra 50 e 149 dipendenti addizionali (di cui almeno il 30% laureati) rispetto al 31 dicembre 2018;
  • € 7.000.000,00 per proposte di investimento con impatto occupazionale superiore ai 150 dipendenti addizionali rispetto al 31 dicembre 2018.

Per “impatto occupazionale”, si intende la somma dei nuovi addetti occupati a tempo indeterminato calcolati in ULA creati nell’unità locale nell’anno a regime.

L’intensità dell’agevolazione è indicata nella tabella che segue:

TIPOLOGIA DI INTERVENTI FINALITA’ DELL’AIUTO INTENSITA’ MASSIMA CONTRIBUTO
A Aiuti agli investimenti in infrastrutture di

ricerca

Fino al 50% delle spese totali ammissibili.

Contributo massimo: € 1.000.000,00

B Attività di ricerca e sviluppo Ricerca industriale: fino al 50% delle

spese totali ammissibili

Sviluppo sperimentale: fino al 25% delle

spese totali ammissibili

Contributo massimo: € 1.500.000,00 per

progetto

C Aiuti alla formazione Fino al 50% delle spese totali ammissibili
+ 10% per svantaggiati o disabili
+ 10%-20% (Max 70%) per le PMI
Contributo massimo: €500.000,00 per

progetto di formazione

C Aiuti all’assunzione di lavoratori svantaggiati 50% del costo salariale lordo se lavoratore disabile
50% dei costi legati all’assistenza fornita al

lavoratore svantaggiato

per 12 mesi (24 mesi per lavoratori molto

svantaggiati)

Contributo massimo: € 1.000.000,00 per

impresa/anno

C Aiuti all’occupazione di lavoratori disabili 50% del costo salariale lordo se lavoratore disabile
1005 dei costi aggiuntivi finalizzati ad assistenza e

sostegno al lavoratore disabile

Contributo massimo. € 1.000.000,00

impresa/anno

30% grandi imprese
40% medie imprese
50% piccole imprese
+5% aree assistite
Contributo massimo: € 500.000,00 per

impresa / per progetto

D Cogenerazione ad alto rendimento 45% grandi imprese
55% medie imprese
65% piccole imprese
+ 5% aree assistite
Contributo massimo: € 500.000,00 per

impresa/per progetto

D Investimenti per la produzione di energia

da fonti rinnovabili

30-45% grandi imprese
40-55% medie imprese
50-65% piccole imprese
+ 5% aree assistite
Contributo massimo: € 500.000,00 per

impresa/per progetto

D Riciclo e riutilizzazione dei rifiuti 35% grandi imprese
45% medie imprese
55% piccole imprese
+ 5% aree assistite
Contributo massimo: € 500.000,00 per

impresa/per progetto

E + F Solo per le PMI: aiuti agli investimenti

produttivi e acquisizione di servizi di consulenza

20% piccole imprese

 

10% medie imprese
Contributo massimo: € 1.000.000,00 per

impresa

Consulenze: 50% per le piccole e medie imprese
Contributo massimo: € 50.000,00 per impresa
E Investimenti produttivi nelle aree assistite

solo per nuovi impianti

30% piccole imprese
Contributo massimo: € 1.500.000,00
20% medie imprese
Contributo massimo: € 1.500.000,00
10% grandi imprese
Contributo massimo: € 1.500.000,00

 

TERMINE

Sarà possibile presentare la domanda in una delle due finestre temporali indicate di seguito:

I finestra: dal 25 marzo al 30 aprile 2019; spese ammissibili dalla data di presentazione della domanda. Almeno il 10% della spesa, relativa ai progetti di ricerca e sviluppo, ritenuta ammissibile deve essere sostenuta entro il 31 dicembre 2019;

II finestra: dal 1 ottobre al 6 novembre 2019; spese ammissibili dal 1 gennaio 2020. Almeno il 10% della spesa, relativa ai progetti di ricerca e sviluppo, ritenuta ammissibile deve essere
sostenuta entro il 31 dicembre 2020.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi

Vieni a trovarci a MECSPE, Sabato 30 Marzo, Ore 10.00!

siamo qui a tua disposizione

Contattaci










Accettazione privacy (GDPR 2016/679)
Iscriviti alla Nostra Newsletter









Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

Pending Certification